Le Martignoni

Sergio Alan Altieri, grande autore italiano ma soprattutto grande amico, le chiamava con affetto “le sorelle Mannaja”...

Infatti, dopo aver pubblicato cinque romanzi storici sulla famiglia Borgia (REQUIEM PER IL GIOVANE BORGIA , Tea 2007 – VORTICE D’INGANNI, Corbaccio 2007 – AUTUNNO ROSSO PORPORA, Corbaccio 2010 – MEMORIE E PECCATI e LA PERVERSA GIOVINEZZA DI RODRIGO BORGIA)  che hanno avuto successo anche in Spagna, le Martignoni si sono dedicate alla scrittura di romanzi e novelle “NOIR”.

Le “terribili sorelle” (quest’altra definizione è del giornalista Luca Crovi) sembrano mansuete, serene, tranquille, posate madri di famiglia che amano cucinare e infiocchettare le loro case, che si occupano di figli, anziani e gatti…

La passione per i libri ha colto le Martignoni quasi nella culla e da allora è stato sempre un crescendo: basta entrare nelle nostre case tappezzate di librerie per rendersene conto.

Le nostre attività nel mondo dell'arte della scrittura e della letteratura spaziano tra

ROMANZI
RECENSIONI
RACCONTI
EVENTI LETTERALI E RASSEGNE

News & Eventi

I nostri lettori

Mi sono piaciuti tutti i libri del Commissario Berté. Li ho acquistati uno dopo l'altro e letti d'un fiato su Kindle. Aspetto davvero un seguito a questo ultimo che si
Invito a Capri con delitto: Le indagini del commissario Berté
Un romanzo crudo che narra nei minimi dettagli la congiura di Magione e l'inganno di Senigallia. Un anno intero, il 1502, raccontato in tante scene mese per mese come un
Cuore di tiranno: Cesare Borgia e la congiura dei condottieri
Le Martignoni ci regalano un Rodrigo Borgia inedito: più che cardinale e pontefice, Rodrigo emerge come uomo. Lui stesso ci racconta gli anni della giovinezza, le esperienze amorose, la solitudine,
La perversa giovinezza di Rodrigo Borgia
http://%20
Il libro si legge agevolmente e la storia scorre senza intoppi. Il personaggio principale è simpatico in bilico fra una vita sentimentale complicata e la necessità di risolvere il delitto.
Doppio delitto al Miramare: Le indagini del commissario Berté